La mia foto
Mi chiamo Barbara, ho 34 anni, sono sposata da 10 e sono mamma di due splendide bambine... 1 anno la cucciola e 7 anni la grande. Ufficialmente dovrei essere una fisioterapista ma di fatto per ora sono per lo più una mamma e una moglie. Con il diventare mamma si è risvegliato in me un forte senso materno e di famiglia, mi piace riscoprire le cose semplici che facevano parte della quotidianeità di una volta... mi piace cucinare (anche se il tempo è sempre poco), mi piacciono i lavori manuali (anche se non sono troppo brava...), mi piacciono le cose realizzate in casa (faccio il sapone). Ho scoperto anche un nuovo modo di "aver cura" della mia cucciolotta, utilizzo i pannolini lavabili e la fascia lunga, faccio in casa omogeneizzati, sapone, pane e quant'altro....insomma in casa mia il tempo sembra un po' tornare ai tempi di mia nonna piuttosto che verso 2010. Non sono pero' un'estremista! Anzi!!! Amo tantissimo il computer e internet è il mio mondo. Mi piace la tecnologia ma so anche farne a meno. Sono impegnata anche nella mia parrocchia, mi piace essere una gocciolina attiva nel mare di oggi.

mercoledì 29 aprile 2009

4 passi in casa nostra - gara di skyrace













Domenica 10 maggio 2009

"4 passi in casa nostra"

Gara di Sky Race

Info: (+39) 0342 801816




http://www.sondaloskyrace.it/

lunedì 27 aprile 2009

La diffusione dei pannolini lavabili in Italia


Il seguente articolo, scritto da Laura Saffiotti del gruppo Non Solo Ciripà, è anche parte integrante dello Speciale di marzo di www.acquistiverdi.it, dedicato ai pannolini lavabili.




In assenza di dati di vendita ufficiali relativi a questa categoria merceologica, il gruppo “non solo ciripà” ha rivolto un’intervista ai principali distributori italiani di pannolini lavabili.

Le ditte che hanno risposto alla nostra intervista riferiscono che c’è stato un aumento di richieste, e nella maggior parte dei casi un incremento di vendite, nel 2008 (fino al 200% rispetto all’anno precedente).

I rivenditori forniti di più tipologie sottolineano per lo più un aumento di richieste della “taglia unica” rispetto alle taglie fisse, perché questo nuovo sistema ridimensionabile permette di sfruttare l’acquisto dalla nascita (o da qualche chiletto in più…) fino al passaggio al vasino.

Dal punto di vista dei “sistemi-pannolino” è da rilevare che la tipologia “tutto in uno”, pur richiesta per la sua praticità, non costituisce in genere la totalità del corredo e ciò a causa della lentezza dell’asciugatura, soprattutto, ma forse anche perchè è ancora poco conosciuta, rispetto ai sistemi “due pezzi” (mutandina più prefold o fitted) e “pocket” (una mutandina con tasca integrata in cui inserire uno o più inserti assorbenti). Le richieste si concentrano infatti sui primi, di più rapida asciugatura, e sui secondi, che costituiscono una tipologia a metà strada tra il “tutto in uno” e il “due pezzi”. Pur nella difficoltà di quantificare questi dati di vendita, anche perché spesso si tratta di attività commerciali molto recenti, i negozi che hanno più tipologie ci hanno fornito questi indicatori di gradimento, che citiamo a titolo indicativo: il rapporto di vendita tra “pocket” e “tutto in uno” è 9 a 1, tra “due pezzi” e “tutto in uno” è 8 a 2.

Dal punto di vista dei materiali di cui si compongono i diversi pannolini lavabili (sintetico o naturale/bio) in genere i rivenditori sono orientati o sull’una o sull’altra “filosofia” di lavabile, per cui è difficile confrontare i dati in tal senso. In linea di massima, chi sceglie il bambù, il cotone, la flanella, la spugna di cotone e ancor più il cotone bio, lo fa nell’ottica di abbassare ulteriormente il rischio di allergie dermatologiche, mentre chi sceglie il sintetico ritiene prioritario ridurre l’effetto di umidità a contatto della pelle.

Uno dei motivi della ripresa di interesse verso i pannolini lavabili si collega, secondo alcuni rivenditori, oltre che al passaparola, anche alla recente promozione dei pannolini lavabili nelle

principali riviste di settore e alla pubblicizzazione del prodotto da parte di Beppe Grillo. I consumatori, invogliati da queste informazioni, stanno riscoprendo la praticità, la convenienza e l’ecologicità di tale prodotto. Ma si tratta ancora di eccezioni rare: la maggior parte delle riviste del settore sembrano inibite a informare di questo metodo “alternativo”, forse perché tra i loro principali inserzionisti si annoverano proprio le case produttrici di pannolini monouso.

I rivenditori hanno cercato di individuare anche quali sembrano essere i principali ostacoli alla diffusione di questo articolo presso i consumatori. Uno degli argomenti prevalenti è una scarsa e scorretta informazione che associa all’uso di questi pannolini una “fatica” nel loro utilizzo che in realtà è sproporzionata rispetto alla realtà dei fatti: infatti nella gestione quotidiana di tali prodotti la norma è proprio l’utilizzo di un elettrodomestico come la lavatrice che azzera l’impegno del lavaggio. Perciò il principale ostacolo, oltre alla scarsa conoscenza del prodotto, sono proprio i pregiudizi (fatica nel lavaggio, scarsa praticità e scarsa tenuta), che sono i primi a venire in mente ad una mamma che si avvicina al pensiero dei pannolini lavabili: molte di loro hanno in mente i vecchi sistemi degli anni ’60-’70, che richiamano il grande ingombro, le fuoriuscite e la poca praticità: perciò si convincono che i pannolini lavabili siano solo un inutile ed ulteriore impegno domestico. D’altro canto, la scelta del pannolino lavabile viene spesso vista dall’opinione comune più come una "moda ecologica", che non una necessità assoluta per la salute dei bambini ed il benessere dell'ambiente; inoltre gettare via un pannolino è considerato più facile che lavarlo, mentre ciò non è del tutto esatto, o almeno non nella misura in cui si crederebbe, come riferiscono invece i genitori che ne hanno la pratica quotidiana e che sono ormai “a regime” con il pannolino lavabile. Ma quei genitori che non hanno la possibilità di vedere questa nuova gestione quotidiana, non riescono a capire come lavarli può essere quasi più facile e pratico, oltre che sicuramente più economico, rispetto a buttarli via.

Un altro aspetto da sottolineare è proprio l'apparente ostacolo economico: infatti i pannolini lavabili in totale consentono un notevole risparmio rispetto al pannolino monouso, ma la spesa iniziale va fatta tutta insieme per avere un kit minimo da consentire i tempi del ciclo di uso-lavaggio-asciugatura. Perciò chi vorrebbe provare i lavabili spesso tentenna proprio davanti a questo aspetto, nell'incognita di sapere come si troverà; di contro, la confezione usa e getta permette una spesa più contenuta al momento, anche se nella prospettiva finale è molto più elevata.

La salute, l'ambiente e il risparmio economico sono i “perché” di questa scelta su cui bisogna insistere in maniera incisiva: ma portare a conoscenza della “praticità” del sistema riutilizzabile/lavabile è forse proprio l’argomento-chiave per la sua diffusione.

I vettori della divulgazione del pannolino lavabile devono senz’altro essere, oltre alle altre mamme che già li utilizzano, gli Enti sanitari (pediatri ed ostetriche), che chiaramente sono i principali riferimenti per tutte le mamme, e gli operatori dei servizi sociali con le istituzioni comunali. I genitori sono sensibili e soprattutto sono disposti a fare dei sacrifici per i propri figli se è per la loro salute e per l'ambiente del loro futuro (e se c’è poi un risparmio economico ancora meglio), ma spesso non sanno a chi credere. Una corretta informazione del Sistema Sanitario Nazionale potrebbe veramente aiutare la diffusione dei pannolini lavabili.

Una mamma che ha già deciso di utilizzare il pannolino usa e getta difficilmente si fa convincere da amiche o negozianti. Ma anche la mamma che è tentata dall’idea di usarli va incontro ad un ostacolo fondamentale: vuole vederli e toccarli con mano prima di acquistare. Finora la vendita quasi esclusiva su internet ha costituito un grave handicap in tal senso. Se si vedessero vetrine di pannolini lavabili un po' dappertutto, passerebbe più semplicemente l’idea che il pannolino lavabile non è "roba da pazze" né una “moda ecologica”, ma una buona e normale abitudine quotidiana. Esistono infine degli sportelli ecologici (come a Ferrara) dove le mamme possono toccare con mano questi nuovi prodotti nelle diverse tipologie e materiali esistenti.

Si ringrazia la cortese collaborazione delle ditte: Babynatura, Babymio (Emilia Cristofori), Ecobaby (Chiara Piatti), La casa del bimbo (Viviana Pozzobon), MySpecialBaby (Anna), Monapel by NaturalMente (Krisztina Ujj e Diego Bertesina), New baby berry (Alison Bruce), Popolini (Emanuela Savio), Universo ecologico.

Pannolini fatti in casa...ed ora mancano solo...I TUTORIALS PASSO PASSO PER CUCIRLI


Ed eccoci all'ultimo passo della serie "pannolini fatti in casa"! Fino ad ora vi ho elencato e descritto i materiali utilizzati...ma è solo ora che viene il bello! ...perciò ago e filo pronti....si comincia!

Ecco l'elenco di alcuni siti dove potrete trovare tutte le spiegazioni passo passo per realizzare i vostri pannolini lavabili in casa.
Cominciamo dal veterano l'arbre a bebes qui troverete la spiegazione passo passo per realizzare molti tipi di pannolini, dai classici fitted agli AIO. Le spiegazioni sono state realizzate da mamme che mettono a disposizione la loro esperienza quindi sono pienamente testate ed approvate sul campo!


cucire in libertà Il blog di Cicalatina, dove spiega come ha realizzato un semplice ma efficace pannolino per il suo bambino.

equazioni ecco un tutorial su come cucire un pocket e una mutandina impermeabile

You tube ci aiuta sempre molto con i suoi video...peccato sia in inglese....

giovedì 23 aprile 2009

Pannolini lavabili fatti in casa - ELASTICO E VELCRO



Elastico
In Italia possiamo utilizzare comune elastico per l’interno dei nostri pannolini. E’ consigliabile usare quello piatto che è anche abbastanza economico.
Gli elastici specifici per cucire pannolini sono due:il foe e il lastin .


Foe (fold over elastic)
Si tratta di un elastico usato per bordare le mutandine. E’ un tipo di elastico molto morbido, ma resistente, caratterizzato dalla facilità con cui è possibile ripiegarlo attorno al bordo. Si trova facilmente nei siti esteri che vendono materiale per pannolini, e si trova anche in tante colorazioni.

Lastin
Si tratta di un elastico molto sottile e trasparente, simile (ma non identico) a quello delle spalline dei reggiseni, ma molto più sottile ed elastico. Di solito si trova nella versione da 6 mm. Ottimo per le cuciture dell’interno cosce, perché non segna le gambe.

Velcro
Si trova comunemente nelle mercerie, nelle varie altezze (2.50 cm e 5 cm). Ha il difetto di essere abbastanza rigido però è abbastanza economico e duraturo

All’estero si trovano vari tipi di velcro (hook and loop) nei siti specializzati. Sono tutti molto più morbidi di quel che possiamo trovare in Italia. Questa caratteristica li rende interessanti, in particolare per quei pannolini che per la loro forma rendono più facile lo sfregamento del velcro con la pelle.

Pannolini lavabili fatti in casa - ALTRI TESSUTI


Minkee
è un tessuto sintetico composto dal 100% di poliestere con una consistenza tra il velluto e il peluche. E’ un tessuto studiato appositamente per abbigliamento infantile, infatti non perde pelucchi. E’ straordinariamente morbido e ANTIMACCHIA, e mantiene queste caratteristiche inalterate nel tempo. Può essere usato per lo strato esterno del pannolino o per delle mutandine copri pannolino. Non è impermeabile e ha bisogno di uno strato di pul cucito all’interno per non far passare il bagnato .Può essere usato anche per cucire coperte, cappelli, stivaletti, pantofoline e peluche.

Knit
non è altro che il comunissimo "jersey", quello usato per le t-shirt. Si potrebbe dire che il jersey è usato prevalentemente a scopo estetico, in quanto per la sua scarsa assorbenza ne servirebbero molti strati aumentando così notevolmente il tempo di asciugatura. Se si desidera, si può rivestire il PUL con del jersey stampato in fantasie assortite, in modo da dare un tocco di colore in più ai propri pannolini home made.

Raw silk
seta greggia. E’ una fibra 100% naturale. Più facilmente si trova sul mercato anche la seta burette, sempre grezza, quindi non colorata. Tutti i tipi di seta grezza vengono utilizzati per confezionare dei liner da mettere a contatto con la pelle dei bimbi, consigliatissima per i bimbi con pelle molto sensibile. Non ha un grande effetto drenante, ma lenitivo.

martedì 7 aprile 2009

Sono un po' assente ...




e chiedo perdono ai miei affezionati...


Ma ...tra il rientro al lavoro...la riorganizzazione a casa...il cagotto della cucciola ed i compiti della grande....il tempo per il blog è risecato al massimo!


Speriamo nelle vacanze di Pasqua di rifarmi un po'...per ora.....abbiate venia!

lunedì 6 aprile 2009

Comuni virtuosi


.... come punto di riflessione per le prossime elezioni amministrative che incalzano....


giovedì 2 aprile 2009

Beppe Grillo

è tornato ieri sera in TV su LA7 ad EXIT il programma di Ilaria D'Amico, dopo un'assenza di parecchi anni.
Vi riporto i video della serata perchè nonostante la sua performance sa durata una ventina di minuti...vale la pena di vederla.
Anche se a modo suo e con i suoi metod, Grillo tocca temi caldi ed attuali: la privatizzazione dell'acqua, i politici condannati e comunque ancora presenti in parlamento, il sistema finanziario italiano, e sopra ogni cosa .... la partecipazione attiva dei cittadini alla cosa pubblica con le liste civiche!

video

video


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non è un prodotto editoriale ex Legge 62 del 7-3-2001.Inoltre questo blog propone contenuti a solo scopo informativo. Il gestore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata, e verranno rimossi quanto prima.Riguardo alle immagini pubblicate e tratte da internet e valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.